La tua Comunicazione Marketing deve essere precisa quanto una lama ben affilata, deve parlare al tuo target preciso di riferimento e deve, sopratutto, essere inimitabile dalla concorrenza: avere una comunicazione marketing unica è molto importante per i tuoi affari. Ma quanto è importante che sia unica?

Quello che tu devi evitare è l’effetto “vino”, cioè essere paragonato ad altri servizi e/o prodotti sullo stesso livello, in cui l’unica discriminante la fa il prezzo di vendita.

Non puoi permetterti di essere confrontato “arance con arance”, il tuo cliente deve percepirti come il migliore nel campo di cui ha bisogno, come il professionista che lavora nel suo particolare metodo che, a differenza degli altri, è il migliore.

Non importa che tu, in ultima analisi, non ti senta il migliore o credi di essere inferiore alla tua concorrenza: il tuo cliente tipicamente queste cose non le sa. E non le vuole sapere.

COSA DEVE DIRE LA TUA COMUNICAZIONE MARKETING UNICA, AL TUO CLIENTE

La tua comunicazione deve farti viaggiare ad un livello superiore alla tua concorrenza: il messaggio che trasmetti al tuo cliente deve fargli letteralmente dimenticare che esistono altre aziende del tuo settore, convincendolo a scegliere te. Non credere che sia fantascienza, si può fare agilmente ma, devi crederci tu per primo.

Si perchè, il primo passo per attuare questa strategia comunicativa unica ed inimitabile, è che quando ti viene chiesto “che lavoro fai?” la risposta deve subito rispecchiare la tua nuova immagine con il tuo nuovo messaggio, capace di aggrapparti nella mente del cliente per quel dato bisogno: tu sei lo specialista!

Come con la lista dei vini, di cui parlo nel video, il tuo brand deve differenziarsi dagli altri che, volente o nolente, fanno vino anche loro sempre con l’uva e con tecniche molto simili alle tue eppure, la tua capacità marketing, deve essere in grado di spiccare dalla lista e non solo per il prezzo.

UN’IDEA DIFFERENZIANTE PER IL VINO

Ti indico un’idea elaborata da me, come esempio di quello che per un’azienda vinicola, dovrebbe essere la propria comunicazione.

Da sempre, si lega il pasto a base di pizza, con una Birra o, per gli astemi, con una Coca Cola.
L’abitudine vuole quello anche perchè, è semplice come decisione quando sei in Pizzeria: prendo la pizza che mi piace e ci scelgo una birra la cui unica decisione è se Bionda o Scura.
Non necessito una lista di Birre per pranzare con la pizza, la scelta impegna poco il cervello che si può dedicare a fare altro.

E se invece il cameriere ti proponesse un Vino da Pizza?
Se quella bottiglia di vino fosse dedicata proprio all’assunzione, con una pizza? Un Brand di vino dedicato alla pizza.
Ovviamente, lo dovrebbe indicare la bottiglia, il marchio e il ristoratore stesso ma, un cliente che beve volentieri il vino durente i pasti, sceglierebbe più facilmente una bottiglia di vino durante una pizza, se ci fosse un Brand che facilmente me lo facesse venire in mente.

Come sicuramente tu starai pensando “è uno scempio proporre il vino con la pizza!”. Lo può essere per te che sei abituato a bere sempre e solo Birra, ma là fuori nel mercato esistono persone diverse, con necessità e voglie diverse che vogliono solo ottenere soluzioni ai loro problemi e necessità.

E tu non devi far altro che proporre queste soluzioni al tuo target specifico: chi beve Birra durante i pasti, difficilmente sarà un cliente della bottiglia di Vino. E VA BENE COSI’!

LA COMUNICAZIONE TUTTO PER TUTTI, CHE TI FARA’ FALLIRE

Se ad una fetta di clientela, la tua comunicazione mirata non “aggancia”, va benissimo così: significa che quella fetta di clientela non è corretta al tuo target.
Ma comprendi che, nel frattempo, stai attirando a te clienti nuovi che, senza la tua comunicazione particolare, sarebbero andati dalla tua concorrenza perchè, “uno vale l’altro”.

Torniamo all’esempio del Vino da Pizza: avresti dei clienti che scelgono la tua attività commerciale, proprio perchè hai un vino che si sposa molto bene con la pizza che fai.

E questo è un elemento unico e distintivo che le altre pizzerie della zona, non hanno e che ti differenzia.

Questo significa che non ha la birra nel tuo locale? Significa che se in una tavolata di persone qualche cliente ti chiede la birra, tu non la vendi? No, non dico assolutamente questo.
Ti sto spiegando che, essere il professionista super particolare per quel dato settore e necessità, ti rende il primo pensiero nella mente del cliente che, nemmeno di striscio, penserà di andare dal tuo concorrente.

La pizzeria che fa tutto per tutti senza una impronta particolare, d’altro canto, ha vita breve. Senza un motivo valido, forte e unico per convincere i clienti ad entrare, non riuscirà a scalfire lo spazio mentale che la pizzeria preferita, ha nella mente della gente. Devi chiederti “Perchè un cliente dovrebbe venire da me, invece che dalla pizzeria preferita?

Ecco: purtroppo le attività commerciali prima di aprire, questa domanda non se la pongono, con risultati decisamente pessimi.